MEDITERRANEO PLURALE

0
26

Il Liceo Classico e Musicale Giuseppe Palmieri, con il contributo della Regione Puglia, nell’ambito delle attività promosse con la Norma di sostegno alle iniziative per la pace e per lo sviluppo delle relazioni tra i popoli del Mediterraneo, ha dato vita al progetto “Mediterraneo Plurale, ponte tra passato e futuro” con il coinvolgimento di importanti partner del territorio, progettista il prof. R. Di Chiara Stanca.

Copertina lavori multimediali realizzati

“Abbiamo bisogno di sentire il profumo del passato per dare il giusto valore al presente”
(D. Novac)

La prima fase del progetto ha visto, con una nuova formula sperimentata nel nostro liceo, la partecipazione attiva di due classi, la IE e la IF, entrambe di indirizzo digitale, ad una sessione di formazione con gli archeologi della società A.R.Va., operante e attiva sul nostro territorio. Il dott. P. Panerelli, infaticabile mentore e abile divulgatore, ha seguito i nostri studenti in un percorso di archeologia viva e, attraverso visite in situ, approfondimenti, immagini, elaborazioni multimediali, ha “preparato” gli allievi a vestire i panni di “guide archeologiche” per giovani e giovanissimi utenti del Parco Rudiae, preziosa area di conservazione appena fuori città.

Le docenti della nostra scuola, prof.sse S. Schilardi, E. Perrone, hanno supportato le attività dei partner esterni lavorando sulla corretta gestione delle informazioni e sul reperimento ed uso attento e consapevole delle fonti classiche.

L’attività, incardinata nel più ampio progetto, ha assunto la precisa fisionomia di Percorso per le Competenze Trasversali e l’Orientamento (PCTO), coinvolgendo le due classi nella loro interezza, nessuno escluso, e ha proposto un lavoro sulle competenze ad ampio spettro (competenze disciplinari, trasversali, soft skills), grazie alla sinergia dei Consigli di Classe.

La fase preparatoria ha lasciato spazio all’esperienza sul campo: ideare, progettare e realizzare visite guidate al Parco Archeologico Rudiae per i compagni di primo anno.

“Come far vivere pienamente l’esperienza del Parco Archeologico?” si sono chiesti i nostri studenti e la risposta è stata ricca e varia: non solo ascolto, ma anche interazione e scoperta, partecipazione attiva e dialogo. L’attività di progettazione è stata, quindi, arricchita dal contributo delle prof.sse A. Landolfo e P. Carignano, che hanno dischiuso ai ragazzi le porte delle attività outdoor non solo come fruitori, ma anche guidandoli a diventare, per un giorno, animatori e coordinatori di attività per i compagni.

Infine, si è pensato anche di “portare” al Parco la scuola, poiché l’attenzione per la cultura e l’amore per i classici non possono rimanere rinchiusi tra le pareti di un’aula, proponendo una lezione all’aperto di Epica, con la prof.ssa S. Serio.

Le visite guidate, animate dagli alunni della 1E e 1F, con la supervisione dell’archeologo P. Panarelli, si sono svolte il 30 novembre e il 4 dicembre, coinvolgendo le classi 4B, 4D, 4M, 1 Quadriennale, con grande successo.

Un ringraziamento particolare al prof. F. D’Andria, mentore d’eccezione, per la disponibilità al dialogo con la nostra scuola.

Ringraziamo la prof.ssa E. Orlando, Presidente della Commissione Cultura, attenta ascoltatrice delle iniziative e proposte culturali che coinvolgono il Parco Rudiae.

 

“I vari popoli costituiscono infatti una sola comunità”
(Nostra Aetate, Dichiarazione sulle relazioni della Chiesa con le religioni non cristiane)

La seconda fase del progetto ha avuto come momento culminante l’incontro-dialogo con esponenti di diverse comunità di credenti del nostro territorio, affrontando a viso aperto nodi come la laicità, il dialogo, la convivenza, l’accoglienza, l’estremismo.

Nella splendida cornice del Seminario di Lecce, accompagnati dal prof. R. Visconti, i nostri alunni hanno posto domande e ricevuto risposte da S.E. Monsignor M. Seccia, Vescovo di Lecce, Saiffeddine Maaroufi, Imam di Lecce, prof.ssa  I. O. Bernardini d’Arnesano, Comunità Ellenica del Grande Salento, Mons. C.M. Santoro, Delegato Arcivescovile per l’Ecumenismo e il Dialogo Interreligioso.

I docenti prof. R. Visconti e G. Levante hanno guidato gli studenti nella definizione di idee e domande per l’incontro. Le riflessioni sulla dichiarazione Nostra Aetate, alcune citazioni da “Abitare il Mediterraneo” di Canta e Pepe e ancora le parole di H. Arendt, oltre che le osservazioni sulle ragioni della laicità assertiva e, di contro, quelle della laicità ideologica, hanno fatto da cornice a domande partecipate e dirette, cariche di curiosità, interesse, bisogno di scoprire e conoscere, tra studenti ed ospiti.

Un dialogo che ha toccato vari ed ampi argomenti, spostandosi dalla Turchia all’Oriente, viaggiando nel tempo in una Lecce che ha osservato, accolto, dialogato con comunità diverse.

La mattina si è conclusa presso la chiesa di San Niccolò dei Greci dove il protopresbitero N. Pace, parroco della comunità cattolica di rito bizantino, ha accolto gli alunni parlando di tradizione e segni.

Un grazie particolare al dott. M. Vergari, disponibile e attento facilitatore di dialoghi e relazioni, e a Mons. A. Montinaro, per l’accoglienza in Seminario.

“Così il fluttuare tumultuoso della vita, simile al mare”
(Sofocle, Trachinie 118)

La fase conclusiva del progetto raccoglie e raduna le esperienze maturate, facendone tesoro per il futuro.

Come un anello, il percorso si chiude lì dove era partito: il ritorno al classico, al patrimonio culturale che ha forgiato l’identità mediterranea e che non smette di interrogare, dialogare, scuotere con urgenti domande di senso il nostro presente.

Un Maestro d’eccezione guida gli alunni in un viaggio che parte dalla letteratura greca, ma parla di Costituzione e di diritti in Italia: il Prof. Luciano Canfora, filologo classico, storico, saggista e accademico italiano, ospite del nostro Liceo, terrà una lectio magistralis dal titolo “Il mare nostrum alla prova della convivenza”, evento conclusivo e culmine del progetto Mediterraneo Plurale.

La lectio sarà trasmessa in diretta streaming e disponibile sul canale YouTube del nostro Liceo.

Ringraziamo il prof. Canfora per la sua generosa disponibilità a dialogare con i nostri studenti.

Un ringraziamento a L. De Luca, Direttore del Polo Biblio-museale di Lecce e alla dott.ssa M. Nuzzo, Museo Sigismondo Castromediano per la loro disponibilità.

Si ringrazia la prof. C. Scarcella per la tenace operosità.

Diretta streaming curata dal Team Digitale.

Un ringraziamento particolare alle competenti Autorità regionali per aver contribuito alla costruzione di questo percorso di crescita e formazione; alla nostra Dirigente, prof.ssa L. Di Cuonzo, attenta “regista” di tutte le attività, sempre al fianco dei nostri ragazzi.

Un ringraziamento anche a tutti gli altri docenti non ancora menzionati e partecipanti al progetto: Prof.ssa A. Masciullo, Prof.ssa D. Capozza, Prof.ssa S. Greco, Prof.ssa A. De Luca, Prof.ssa A. Mercurio, Prof.ssa M. Leopizzi, Prof. M. Pellé, Prof.ssa S. Palazzo, Educatrice S. Capone ed una speciale menzione per tutti gli alunni delle classi 1E e 1F, per aver partecipato con entusiasmo e pieno coinvolgimento al progetto. 

Tutor del progetto: prof.ssa D. Nuzzo
Elaborazione grafica locandina complessiva: L. de Filippo, 3E

https://www.youtube.com/watch?v=JNBGVK4AIfg
ankara escort
çankaya escort
ankara escort
çankaya escort
escort ankara
çankaya escort
escort bayan çankaya
istanbul rus escort
eryaman escort
escort bayan ankara
ankara escort
kızılay escort
istanbul escort
ankara escort
ankara rus escort
escort çankaya
ankara escort bayan
istanbul rus Escort
atasehir Escort
beylikduzu Escort